ADEMPIMENTI REGISTRO TELEMATICO PER PRODUTTORI DI OLIO

28/07/2017
Quali produttori sono tenuti alla registrazione telematica e cosa si rischia

Il DM n. 16059 del 23 dicembre 2013 (Reg UE 299/2013), prevede quanto segue:

 

 

 

 

PREMESSA:

CHI SI ISCRIVE NEL REGISTRO TELEMATICO DEVE ESSERE ANCHE GIA’ A NORMA PER IL CONFEZIONAMENTO/ETICHETTATURA DELL’OLIO. QUESTO VUOL DIRE AVERE:

  • UNA STANZA A NORMA PER STOCCAGGIO OLIO, IMBOTTIGLIAMENTO ED ETICHETTATURA + COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA’ TRAMITE SCIA
  • MANUALE DI AUTOCONTROLLO (HACCP)
  • CORSO DA ALIMENTARISTA

 RICORDIAMO INFINE CHE NON SI PUO’ VENDERE L’OLIO SFUSO A PRIVATI MA SOLO IN CONTENITORI MAX. 5 LITRI, CON ETICHETTA E CHIUSURA A NORMA.

IN ALTERNATIVA, SE NON SI HANNO I REQUISITI SOPRA ESPOSTI, E' POSSIBILE’:

  • FARSI IMBOTTIGLIARE ED ETICHETTARE L’OLIO DA UN TERZISTA (ES. IL FRANTOIO) MA SENZA PORTARSI A CASA L’OLIO SFUSO (SI DEVE PORTARE DIRETTAMENTE LE BOTTIGLIE)
  • LASCIARE L’OLIO IN CONTO VENDITA AL FRANTOIO
  • VENDERE LE OLIVE AI CLIENTI CHE PROVVEDERANNO DIRETTAMENTE A FARLO FRANGERE

 

Quali olivicoltori devono compilare il registro telematico?

L’operatore HA L’OBBLIGO D’ATTIVARE IL REGISTRO TELEMATICO SUL SISTEMA SIAN (www.sian.it) quando svolge una o più delle seguenti attività:

  • commercializza (acquisto e vendita) olive da olio non prodotte negli oliveti aziendali
  • acquista olive per produzione di olio non destinato all’autoconsumo
  • commercializza sansa destinata alla produzione di olio di sansa di oliva greggio
  • effettua la molitura e produzione olio (attività di frantoio) commercializza olio sfuso
  • confeziona ed etichetta olio
  • detiene olio sfuso non destinato all’autoconsumo
  • raffina olio di oliva lampante o olio di sansa di oliva greggio effettua operazioni conto terzi

 

Chi è esonerato dalla tenuta del registro telematico

L’operatore NON HA L’OBBLIGO DI ATTIVARE IL REGISTRO se svolge una o più delle seguenti attività:

  • vende olive da olio prodotte nei propri oliveti aziendali
  • detiene olio destinato esclusivamente all’autoconsumo
  • detiene olio destinato alla produzione di conserve, di prodotti da forno, di condimenti, di energia, ecc.
  • commercializza esclusivamente olio confezionato ed etichettato da terzi
  • si avvale di terzi per la detenzione, la lavorazione e la commercializzazione

 

Dove va compilato il registro

I registri vanno tenuti con modalità telematiche nell'ambito dei servizi del SIAN (www.sian.it) - Sistema Informativo Agricolo Nazionale (art 5 comma 3), la tenuta può essere delegata ai Centri di Assistenza Agricola (Art 5 comma 6)

 

Con che frequenza va compilato il registro

Le registrazioni di carico e scarico si effettuano entro e non oltre il sesto giorno successivo a quello dell’operazione, giorni festivi compresi, in ordine cronologico (art 5 com. 4).
Gli olivicoltori che detengono e commercializzano proprio olio sfuso o confezionato fino a 700 Kg possono effettuare le annotazioni entro il 10 del mese successivo (art 5 comma 5)

 

Chi deve aggiornare il fascicolo aziendale (ARTEA)

Tutti gli olivicoltori che producono più di 350 KG/anno di olio hanno l’obbligo di aggiornare annualmente il fascicolo aziendale (prima della commercializzazione delle olive e/o prima molitura delle olive) con il numero delle piante e, se nota, la varietà coltivata (art 8 comma 3)

 

Chi NON deve aggiornare il fascicolo aziendale (ARTEA)

Gli olivicoltori che producono olio destinato esclusivamente all’autoconsumo e la cui produzione non supera i 350 Kg per campagna di commercializzazione (art 8)

 

Cosa succede agli inadempienti?

il nuovo regime sanzionatorio (D.lgs. 103/16) prevede multe ancora più alte di quelle precedenti (D.Lgs 225/05) e sono riassunte di seguito: